Me, the imperfect mother

Progetti fotografici

Me, the imperfect mother

Note di presentazione

Me, The Imperfect Mother è una personale ricerca di autoscatti che ho iniziato quando ho avuto bisogno di buttare fuori da me sensazioni di “imperfezione materna” a cui non riuscivo a dar voce con le parole. È il frutto del mio essere divenuta madre e l’aver sperimentato sulla mia esperienza l’enorme divario tra l’immagine pre-confezionata della madre perfetta e l’imperfezione quotidiana della realtà. Sono immagini nate come un urlo di protesta, una provocazione al buonismo, un personale atto liberatorio.
L’arrivo di mia figlia, non progettato, non voluto, che non prevedeva la presenza di un compagno, è stato come cadere nel vuoto. Alla nausea fisica si aggiungeva quella emotiva. Non ho mai capito fino in fondo il perché ma, sebbene niente fosse al posto giusto, non ho mai messo in discussione l’idea di portare avanti la gravidanza. Quando era in pancia non sapevo che fare, quando l’ho vista la prima volta non l’ho amata, quando sono tornata a casa dall’ospedale ho temuto di stare sola con lei. La società non prevede madri di questo tipo ed io, appunto, non capivo come potevo essere madre con tutte quelle imperfezioni. Nel tempo, ho così deciso di raccontare insieme a lei che, proprio accettando quelle imperfezioni, ho potuto regalarmi lo status di madre. Me, The Imperfect Mother è un progetto che racconta la mia quotidianità nel lasciarmi sorprendere dalla maternità, i suoi paradossi, eppure la felicità del mio amore ritrovato e la costruzione di una complicità che riempie l’anima.